premio maurizio maes

 

 

La consegna dei premi internazionali intitolati a Maurizio Maestrelli, figliolo di Tommaso, deceduto prematuramente sei anni addietro, si svolgerà  lunedì 22 maggio al Teatro Manzoni di Cassino. Il premio, in origine Alatri Città dei Ciclopi, da cinque anni ha cambiato denominazione proprio per onorare la memoria di Maurizio, grande amante del calcio giovanile. Il premio, giunto alla nona edizione,verrà consegnato a tredici personalità del calcio che si sono distinte non solo per i risultati ottenuti, ma anche per fair play e correttezza. La giuria del premio, presieduta da Massimo Maestrelli, è composta da Jacopo Volpi ( vice direttore vicario di Rai Sport), Fabrizio Casinelli (direttore RadioCorriere Tv Rai), Mirko Graziano (Gazzetta dello Sport), Sandro Bocchio (Tutto sport), Piercarlo Presutti (Capo redazione sportiva Ansa), Antonio Barillà (Corriere dello Sport), Massimo Halasz (Rai), Fabio Massimo Splendore (Corriere dello Sport), Alberto Polverosi (Corriere dello Sport), Andrea Santoni (Corriere dello Sport),  Francesco Verderami (Corriere della Sera), Giuseppe Materazzi (Allenatore), Giulio Halasz (Direttore generale Lazio Cup). 

La serata, nel corso della quale verranno presentate le dodici squadre partecipanti alla nona edizione del torneo internazionale per Allievi Lazio Cup,  verrà  condotta da Jacopo Volpi e Simona Rolandi di Rai Sport.

Il premio, disegnato da Monia Maestrelli con la consulenza di Massimo Maestrelli, è un’artistica scultura che raffigura la dea alata della vittoria (Nike) che stringe tra le mani un pallone di cuoio, quelli marroni “vecchia maniera”.

Nell’albo d’oro figurano, tra gli altri, Marotta, Cuper, Pradè, Ventura, Bilardo, Regalia, Bendoni, Candreva, Bonucci, Pioli, Pasqualin, Simone Inzaghi, De Laurentiis, Matteoli, Pierpaolo Marino, Colantuono, Bronzetti, Aloisio, Leonardi, D’Ippolito, Sebastiani, Icardi, Tommasi, Giannichedda, Prandelli, Perinetti, Marchegiani, Corvino, Caliendo, Molinaro, Franco Baldini, Di Vaio, Bocchetti, Giovinco, Paratici, Reja, Samaden, Bozzo e Bigon. 

 

 

 

 

PHOTOGALLERY