PALIANO

 

paliano

Su di un colle (475mt s.l.m), alle pendici dei Monti Prenestini ed Ernici, in posizione strategicamente dominante sulla Valle del Sacco, sorge Paliano, circondato da un verdeggiante paesaggio collinare, solcato da diversi corsi d’acqua affluenti del fiume Sacco, e ricoperto in parte da boschi di quercia, uliveti e vigne. Il toponimo deriva probabilmente dalla Massa Pulliani, un’estesa unità agricolo-amministrativa già citata nel Patrimonio Labicano dei pontefici romani nell’VIII secolo d.C., incastellata sull’attuale collina intorno all’XI sec. I primi insediamenti nel territorio risalgono però al Neolitico Superiore e all’Età del Bronzo iniziale. Abitato, poi, dagli antichi popoli Ernici, Latini e Romani, tra il IV e il I sec. a.C. I primi documenti storici in cui si parla del Castellum Pallianus sono dell’XI secolo, e riguardano alcuni atti di donazione fatti all’Abbazia di Subiaco. Distrutto e incendiato dalle milizie del Senato Romano, nel 1184, durante la guerra di Tuscolo, Paliano risorse grazie agli aiuti di Papa Onorio III e di Papa Gregorio IX, che lo acquistò e fortificò a proprie spese a a proprio vantaggio, al pari di altre rocche pontificie. Nel 1234 venne incluso tra le Castellanie della Chiesa, a difesa dei territori meridionali dello Stato pontificio